Fra i tre colori della bevanda alcolica più consumata negli ultimi tempi, il
rosso è da sempre quello che ha stimolato più interesse tra gli intenditori
della birra. Suonerà strano ma… iniziamo a dire che la birra rosa, in realtà
non esiste!
Per chi ama andare oltre la semplice degustazione, approfondendo le origini del piacere che la bevanda elargisce, il termine “rossa” viene sostituito con il termine “ambrata” e ciò che in realtà contraddistingue questa variazione non è tanto l’intensità del colore, ma piuttosto la gradazione alcolica.


Per capire perché la bevanda può subire un cambiamento di nuance, bisogna sapere che i responsabili principali sono due ingredienti-base che entrano in gioco nel processo di produzione e cioè il malto e il luppolo, la cui combinazione sarà responsabile del colore finale. Infatti, per ottenere una birra “ambrata”, cioè virante al rosso, si dovrà utilizzare una miscela di malti d’orzo caramellati e tostati ad alte temperature e una quantità abbondante di luppolo, il tutto sapientemente miscelato agli altri ingredienti he sono l’acqua e il lievito.


Ma nel processo di produzione, una notevole influenza sul colore finale del
prodotto è data anche dalla lavorazione dello stesso.
Nel primo passo, la maltificazione, l’orzo viene adagiato in grandi vasche
per favorirne la germinazione, terminata la quale si passa alla tostatura,
fase in cui più è alta la temperatura di abbrustolimento, più il prodotto
assumerà una colorazione rossastra. Dopo il processo di maltificazione,
l’orzo “maltato” subisce la macinatura e la miscelazione con acqua calda,
all’interno di caldaie in rame sino a creare il mosto ed è proprio durante
questo breve periodo di cottura che viene aggiunto il luppolo, la cui quantità a sua volta andrà a determinare l’intensità della tinta finale. Dopo la maltificazione e la cottura si passa, dunque, alla fase di raffreddamento che può avvenire a diverse temperature.


Ecco quindi che la birra è pronta per essere opportunamente imbottigliata e
conservata secondo regole ben precise!
Mi raccomando però, non dimentichiamo che bere cose preparate con amore e passione è importante, farlo con moderazione e cautela è fondamentale

Post comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *